Sintomi del cuore

Dolore Toracico

Il dolore toracico può essere determinato da vari organi del mediastino: pleura, esofago, pericardio, cuore o da alcune patologie acute come la embolia polmonare o la dissezione aortica ; può essere proiezione di dolori riflessi da altri organi quali la colecisti, il pancreas, l’intestino o lo stomaco e dolori della colonna vertebrale dorsale. Al cardiologo si richiede se il dolore è  di natura cardiaca.

Il dolore cardiaco viene definito anginoso da angoscia, sensazione con cui spesso si accompagna, ed è caratteristico per la sua  sede retrosternale con tipica irradiazione alla spalla e all’arto superiore sinistro dal lato ulnare, talora la sede può essere  interscapolare, epigastrica, alla mandibola o al giugulo.

Per le sue  caratteristiche  di tipo costrittivo, urente che persiste od oppressivo, è un dolore che non si modifica con gli atti respiratori, cambi di posizione o assunzione del cibo; non viene evocato dalla digitopressione e si accompagna nella sua forma tipica a sudorazione e altre reazioni neurovegetative quali nausea, vomito e sincope; anche  la modalità di comparsa ha la sua importanza se a riposo o sotto sforzo; con carattere stabile o instabile; scatenato dal freddo o da una forte emozione;  la sua durata è importante perché se supera la mezz’ora e si tratta di cuore  è possibile che sia un infarto del miocardio; se invece dura meno di mezz’ora va esclusa l’angina pectoris, che può essere secondaria ad uno sforzo e recede col riposo o ad una tachicardia.

Se il dolore è a riposo deve essere esclusa l’angina pectoris instabile spesso di recente insorgenza e spesso  preludio di un infarto miocardico.

125 queries, 0,781 seconds.